Messico paese unico. Tra storia millenaria, città ricche di tradizione, deserti, montagne, foreste tropicali, spiagge da sogno e mare cristallino, può realmente soddisfare qualsiasi tipo di viaggiatore. Nonostante il suo punto forte sia lo stato dello Yucatan, il quale racchiude l’essenza stessa del paese (la sua archeologia, il suo mare caraibico e le sue città coloniali sono considerate vere perle), il Messico può offrire luoghi incantati meno turistici, ma in egual modo unici. Siti preziosi, territori inesplorati dalla massa turistica che possono regalare un’esperienza da raccontare.

La Casa Infinita si nasconde nella natura rigogliosa di Xilitla.

Un esempio si trova a nord di Città del Messico: tra le montagne vicino a Xilitla troviamo “La Casa Infinita” o “Las Pozas“, una costruzione creata da Edward James, facoltoso ed eccentrico gentiluomo inglese, complice del surrealismo. Trasferitosi in Messico, si dedicò alla coltivazione di orchidee e animali esotici. La sua decisione di non tornare più in Inghilterra venne a seguito di un bagno rinfrescante in un torrente: appena ne uscì, venne avvolto da uno sciame di farfalle e da quel momento decise di stabilirsi esattamente in quel posto. A seguito di una grande gelata, però, la maggior parte delle orchidee morirono, così Edward James ebbe l’idea di realizzare uno straordinario giardino scultoreo nel mezzo della foresta pluviale, in modo che nessun agente atmosferico potesse distruggere nuovamente quello che lui amava. Questa è “La Casa Infinita”.

Alla Casa Infinita è possibile fare un tuffo rinfrescante nel mezzo della foresta pluviale.

La costruzione è decisamente surrealista e bizzarra, con scale che non conducono da nessuna parte, torri inaccessibili, ponti sospesi nel nulla. Un vero e proprio labirinto. Ci sono voliere per uccelli e gabbie per animali selvatici, ma tutte aperte, a testimonianza del grande amore per la natura dell’autore. Nulla di ciò che qui è stato creato dalla natura è stato rimosso, infatti ogni elemento sopravvive volutamente in armonia con la foresta. L’unico punto architettonico con un vero tetto è l’abitazione di Edward James. La costruzione è però incompiuta, in perfetta linea con il surrealismo e con l’inventiva frenetica dell’artista inglese.

Il Sig. Edward James ci ha lasciato il giardino infinito, un luogo magico nel quale non esiste un inizio né una fine

Il Sig. Edward James ci ha lasciato il giardino infinito, un luogo magico nel quale non esiste un inizio né una fine. La costruzione si può solo attraversare e non è possibile da nessun posizione poterla osservare nella sua completezza, avvolta (anzi quasi inghiottita) dalla fitta foresta. Dopo anni di abbandono, finalmente nel 2007 sono stati stanziati dei fondi per ripristinare Las Pozas e riportarla al suo antico splendore ed è così è possibile ammirarla oggi.

Se desideri visitare il Messico scoprendone il lato più nascosto e misterioso e partire per un viaggio che ti sarà impossibile dimenticare, dai un’occhiata alle mie proposte viaggio oppure contattami.