Libano

Magica Beirut E Il Nettare Degli Dei

Città e capitali

Formula Volo + Tour

7 giorni e 6 notti

Quotazioni disponibili da Gennaio 2019 fino a Gennaio 2020

Medio Oriente

Libano

a partire da 1390 €


Cell. 338 2315748
Tel. 045 8341329
Email [email protected]

Morena Salvalaggio

Il tuo consulente
Vedi i miei viaggi

(3 voti)


Tour individuale del Libano, un paese adagiato sulle coste del Mediterraneo culla dell'umanità. Pernotterete nella rinata Beirut, cosmopolita capitale libanese, da dove partirete per una serie di escursioni che vi porteranno alla scoperta del paese e dei suoi vini pregiati.




PROGRAMMA


1° giorno: Italia (volo) Beirut

Partenza dall'Italia con volo per Beirut. All'arrivo, trasferimento in hotel.


Pernottamento a Beirut all'Hotel Ny Suites**** (o similare).

2° giorno: Beirut: Visita Della Città, Beiteddine, Deir El Kamar

Beirut: Visita Della Città, Beiteddine, Deir El Kamar.jpg

Alle 09:00, nella hall dell'hotel, incontro con la guida che vi accompagnerà per tutta la giornata a esplorare la città di Beirut, la più vivace del Mediterraneo, che dopo la fine del mandato francese, la cui presenza iniziò nel 1918, divenne la capitale del Libano indipendente nel 1943.


Beirut vuole essere anche una città europea, con i suoi quartieri che rilevano ognuno caratteristiche architettoniche e culturali differenti, e sembrano quasi tante cittadine unite.


Da vedere: il Quartiere degli Artisti in stile tradizionale, Ain El Mraiseh, zona ricca di hotel e ristoranti, Hamra, che evoca il profumo del mondo asiatico, l'elegante Ashrafhieh, posizionato in collina, di espressione puramente cristiana ortodossa, famoso per la vita notturna.


Ammirerete lo spettacolare lungomare della città lungo quasi 5 km, Le Corniche, con il suo punto di riferimento naturale chiamato Rock of Raouché e la baia centrale Zaitunay Bay ispirata all'Occidente, costruita grazie alla Solidere (Societè Libanaise de Reconstruction), voluta e creata da Rafiq Hairiri nel 1994, il primo ministro libanese più famoso.


Vedrete le piazze, come piazza dei Martiri, la più centrale, Place d'Etoile con la Torre dell'Orologio Rolex emblema di Beirut.


E poi il Museo Nazionale con la sua importante collezione di manufatti risalenti al periodo preistorico fino al periodo Mamelucco; gli attraenti palazzi come il palazzo del Gran Serraglio (Palazzo del Parlamento), gli hammam e la Torre Ottomana.


Ammirerete le chiese, su tutte la cattedrale ortodossa di San Giorgio, dove, all'interno, contemplerete un dipinto del Delacroix sopra l'altare; le moschee, dove non passa inosservata la grande moschea di Mohammad Al-Almin sunnita, che si ispira alla Moschea blu di Istanbul.


Visiterete ancora siti archeologici di epoca ottomana e francese, oltre ai moderni souk di Beirut completamente dissimili ai tipici mercati tradizionali orientali che abitano il nostro immaginario: sono improntati al progresso, e all'interno degli edifici restaurati in stile architettonico arabo-veneziano troverete boutique di lusso e ristorantini da grido. In altre parole, vi sembrerà di essere ovunque tranne che in Medio Oriente.


Farete visita al palazzo Beiteddine del XIX secolo con la residenza dell'emiro Bashir II della dinastia Shihab, sovrano del Monte Libano, per dirigervi poi nel distretto di Chouf,  uno dei più antichi villaggi del Libano,  Deir El Kamar, che significa “Monastero della Luna” a 800 m di altitudine.


Rientrerete in albergo per le 17:00 circa.

3° giorno: Beirut: Escursione Bekaa Valley Wineries

Beirut: Escursione Bekaa Valley Wineries.jpg

La giornata sarà dedicata alla visita della fertile valle della Bekaa, un altipiano che raggiunge i 1000 metri, ricco di laghetti artificiali necessari alla coltivazione di tabacco, verdura, frutta e uva a nord di Beirut.

Proprio in questo territorio, vocato alla viticoltura di qualità, si producono i migliori vini libanesi.


Gli storici confermano che il vino fu inventato 7000 anni fa, proprio in Libano. Solo nel 3000 a.C. le conquiste fenice divulgarono la bevanda in Egitto e in Europa. La viticoltura moderna arrivò verso la metà del XIX secolo: furono i monaci francesi ad avviare la piantagione di vari tipi di uve.

Con la dominazione francese la valle si popolò di vigneron e oggi brulica di cantine, oltre 70, tra le più famose del Medio Oriente.

La tecnica di vinificazione varia da cantina a cantina, perciò anche i vini saranno contraddistinti da caratteristiche peculiari.


Farete visita alla cantina Kefraya, nata nel 1951 dalla volontà di Michel de Bustros, nel Sud della valle, dove i terreni calcareo-argillosi sono sassosi e con forti pendenze, ottimo ambiente per la vite. Qui degusterete il nettare degli Dei.


Vi sposterete poi per un'altra degustazione alla cantina di Ksara, la più antica azienda vinicola, fondata nel 1875 dai gesuiti, dove grotte sotterranee di probabile origine romana si snodano sotto i locali con la prerogativa di assicurare una costante e favorevole temperatura e umidità. Uno spazio naturale in cui accogliere e proteggere un'enorme quantità di botti e bottiglie. Attualmente è il più importante produttore.

Ogni anno in questa cantina sono ospitati numerosi studenti in Enologia e agronomia provenienti da ogni parte del mondo, per apprendere segreti della coltura vitivinicola, in un contesto non comune.

Degusterete e vedrete un documentario creato ad hoc sulle origini di Ksara, film di qualità quasi cinematografica. Pranzerete qui.


Dopo pranzo sarà il momento dell'azienda Chateau Khoury sulle colline che dominano la città di Zahle, sulle pendici orientali del monte Libano, a un'altitudine di 1300 metri. Qui le barbatelle d'uva sono state piantate nel 1995 e, grazie a esposizione e altitudine del vigneto, nonché il raccolto fatto rigorosamente a mano, le uve esprimono nel vino una qualità e gusto davvero speciali. 


Il rientro in hotel è previsto alle ore 17:00 circa.

4° giorno: Beirut: Escursione A Jeita, Byblos, Harissa

Beirut: Escursione A Jeita, Byblos, Harissa .jpg

In mattinata farete visita alle grotte Jeita, situate a circa 20 km a nord di Beirut, nella valle del fiume Nahr al-Kalb.


Successivamente vi sposterete a Byblos, dove ammirerete l'imponente e ben conservata fortezza crociata costruita a difesa del porto, il castello del Mare, che ingloba nelle sue mura elementi di antichissime colonne.


Vi recherete poi alla Grande Moschea, originariamente chiesa templare dedicata a San Giovanni Battista, oggi convertita al culto musulmano.


Raggiungerete il centenario monastero e la cattedrale di St Mary Harissa.


Ammirerete uno dei simboli del Paese dei Cedri: la statua della bianca Vergine che si erge a braccia aperte sulla collina, a 650 metri di altezza, quasi a voler chiamare a sé il mare e la cittadina di Jounieh.


Il rientro in hotel è previsto per le 17:00 circa.

5° giorno: Beirut: Escursione A Sidon, Tyre, Echmoun

Beirut: Escursione A Sidon, Tyre, Echmoun.jpg

Oggi raggiungerete la cittadina di Sidon (a circa 40 km da Beirut), conosciuta per i tradizionali dolci del Sud e il centro storico.

Ammirerete la fortezza e le rovine del castello costruito dai crociati, visiterete la città vecchia con le tante interessanti moschee, i caravanserragli e i souk dai soffitti a volta molto affascinanti.


A poca distanza da Sidon si trovano i resti del tempio fenicio di Echmoun, eretto nel VI-V secolo a.C. Il tempio è dedicato anche alla dea Astarthe, che secondo la tradizione fu amante del dio Echmoun.

Vedrete il trono di Astarthe, affiancato da due sfingi alate e altre reliquie di epoca persiana e romana.


Raggiungerete poi Tyre, un sito archeologico Patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1979.

Passeggiare per le vie di Tyre Al-Mina e di Al-Bass sarà un'emozionante scoperta. Gli scavi hanno portato alla luce un'importante città romana costruita intorno a una via lastricata di marmo circondata da colonne maestose.

Visiterete inoltre l'ippodromo romano, uno dei più grandi (poteva contenere oltre 30.000 persone) di epoca romana e meglio conservati al mondo, e la cattedrale dei Crociati, costruita sui resti di una basilica precedente e restaurata dai Veneziani nel XII secolo, con la dedicazione a San Marco.


Rientrerete in hotel per le 16:00 circa.

6° giorno: Beirut: Il Mare

Beirut: Il Mare.jpg

Godetevi la giornata in bicicletta e andate alla scoperta del lungomare e le spiagge di Beirut.


Da vedere la zona di Ras Beirut, “testa di Beirut”, che si prolunga sulla punta della penisola e ospita il faro di Manara.


Si suggerisce di raggiungere anche alcune delle spiagge nei dintorni di Beirut, come El-ramleh, El-baydah, Coral Beach a sud-ovest di Beirut, Rimal beach, Les Résidences de la mer, The Beach House a nord-est.

7° giorno: Beirut (volo) Italia

Trasferimento all'aeroporto di Beirut in tempo utile per il volo di rientro in Italia.


DESCRIZIONE STRUTTURA



NY Suites Hotel****


L'hotel è situato vicino alla spiaggia di Beirut in posizione centrale; in pochi minuti a piedi si ragigungono Zaitunay Bay, Sinagoga Maghen Abraham, American University of Beirut Medical Center e Sanayeh Garden.


Le camere sono dotate di aria condizionata, angolo cottura, frigorifero, piano cottura, cassaforte e tv con canali satellitari, una terrazza da dove ammirare il paesaggio, Wi-Fi gratuito e servizi di concierge. Il bagno in camera è dotato di vasca da bagno a immersione totale e set di cortesia gratuiti. 


L'apparthotel offre un'ampia scelta di snack al bar/caffetteria; qualora preferiate restare in stanza, si potrà richiedere il servizio in camera 24 ore su 24. Per la comodità degli ospiti, la colazione gratuita viene servita tutti i giorni dalle ore 7:00 alle ore 11:30. Si potranno trovare quotidiani gratuiti nella hall, servizio di lavanderia/lavaggio a secco e reception aperta 24 ore su 24.



APPUNTI DI VIAGGIO



Libano: un paese adagiato sulle coste del Mediterraneo culla dell'umanità. Scoprirete la rinata Beirut, cosmopolita capitale libanese, conosciuta come la “Parigi dell'est”, durante gli anni Sessanta.

Vedrete Deir El Kamar, Beiteddine, la fertile valle del Beqaa con i suoi pregiati viniTyro fondata dai Fenici nel III millennio a.C., Patrimonio dell'umanità Unesco, la straordinaria grotta Jeita, scelta come finalista ufficiale in rappresentanza del Libano e selezionata come uno dei 14 punti di riferimento in tutto il mondo “New 7 Wonders of Nature Competition”, Byblos una delle più antiche città fenicie, punto di diffusione dell'alfabeto fenicio e Patrimonio mondiale dell'Unesco; Harissa, il centro mariano più importante del Libano che si affaccia sulla meravigliosa baia della città di Jounieh, e Sidone, con il tempio fenicio di Echmoun.


Se avete voglia di una meta diversa dalle solite, Beirut è una città araba che vuole essere anche una città europea. Tra tanti misteri emerge una curiosità: viene chiamata città dei cedri, ma il cedro del Libano non dev'essere confuso con l'omonima pianta di agrumi, è una conifera; la Bibbia racconta sia stato l'unico albero piantato dalle mani di Dio, e il suo legno ha una caratteristica molto speciale: è facile da lavorare, ignifugo e non deperibile.


In questa affascinante e misteriosa terra dei cedri troviamo anche laculla del vino, dove 7000 anni fa nacque la domesticazione della Vitis vinifera. Oggi il Libano vanta un'ancestrale vocazione vitivinicola che si esprime grazie ai vitigni sempre di più differenziatisi da mani sapienti che “appresero” questa Terra come madre di ogni madre.

Terroir così ricchi in grado di parlare attraverso il nettare degli Dei prodotto da uve tutte di origine francese. Per i vini rossi, le varietà internazionali vanno dal Cabernet sauvignon alla Grenache, dal Mourvédre al Carignan, dal Cinsault allo Syrah. Tra le uve bianche, invece, spiccano l'Ugni Blanc, il Sauvignon, lo Chardonnay, la Clairette e la Bourboulenc.

I vini del Libano sono molto apprezzati nel panorama enologico; un'eccellenza che gode di riconoscimenti internazionali è proprio il Château Ksara del 2015: da sommelier lo consiglio vivamente, magari potete acquistarne una bottiglia. Un vino che racconta un carattere coriaceo, prodotto con uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot, di un colore rubino che al naso esprime sentori fruttati di lamponi, ribes e vaniglia. Si evolve in bocca e diventa un'architettura persistente, i tannini si spingono ma con equilibrio e morbidezza. Se decidete di comprarne una bottiglia, abbinatelo a un piatto con una buona persistenza aromatica come la selvaggina o una buona tagliata, magari al sangue.


Anche la cucina di Beirut è degna di nota; è sicuramente varia, gustatevi le varie specialità: i mezzeh, una sorta di antipasto che comprende l'hommos, un purè di ceci aromatizzato con salsa di sesamo, limone e prezzemolo; il moutabbal, melanzane arrostite condite con aglio, limone e olio; il tabbuleh, preparato con prezzemolo, cetrioli, pomodori e cuscus. Un gustoso dolce è l'arays, a base di semola, yogurt e pistacchi.


Lo shopping è stimolante a Beirut: valutate la possibilità di acquisto di affascinanti e pregiati tappeti e gioielli, ma anche ceramiche, vetro soffiato, ferro battuto, arazzi oppure oggetti d'antiquariato.


Alla sera, se non siete proprio stanchissimi, godetevi la movida cittadina: potete sbizzarrirvi nella scelta di numerosi locali, ristoranti, casinò, nightclub. 

Si può partire dal Brut, o dal classico enorme Buddha Bar, dove si balla ma si può anche mangiare.

Al Dessau Liquor Garage, nella zona di Mar Mkhayel, si trova invece una buona scelta di vini libanesi e di whisky di marca.

E poi c'è il lussuoso Gray Hotel da vedere, frequentato di sera per il suo Three Sixty cocktail bar panoramico con le pareti circolari.


Godrete il tesoro di una terra così piccola ma ricca di angoli di storia. Beirut, centro del gusto e della bellezza, è la città con le migliori chance di rivestirsi da capitale del Medio Oriente.

Il tour, studiato nei minimi particolari, è consigliato a chi, attratto dalla magia della storia antica, dalla smania di conoscere le radici del nettare degli Dei, vuole restituire a Beirut dignità turistica.

Viaggerete tra la bellezza e il fascino conservato nelle antiche città, caratterizzate da forme di architettura islamica, da siti archeologici e da tradizionale ospitalità della popolazione locale, capace di regalare emozioni indimenticabili.



LA QUOTA INCLUDE



  • volo a/r con bagaglio in stiva
  • tasse aeroportuali (l'importo può variare fino all'emmissione dei biglietti
  • 6 pernottamenti con prima colazione
  • trasferimenti privati da/per l'aeroporto
  • tour di 1 giornata con guida in inglese Beirut, Beiteddine, Deir El Kamar con pranzo incluso
  • escursione di 1 giornata con guida in inglese alle Bekaa Valley Wineries con pranzo e degustazione vini inclusi
  • escursione di 1 giornata con guida in inglese a Jeita, Byblos, Harissa con pranzo incluso
  • escursione di 1 giornata con guida in inglese a Sidon, Tyre, Echmoun con pranzo incluso
  • noleggio bicicletta per 8 ore
  • Pass turistico di Beirut
  • assicurazione medico-bagaglio


LA QUOTA NON INCLUDE



  • visto d'ingresso da compilare in aereo
  • mance
  • eventuali tasse di soggiorno da pagare in loco
  • assicurazione annullamento (facoltativa)
  • tutto quanto non espressamente indicato in “La quota include”


Costi



Quote per persona in camera doppia da € 1390

volo + 6 pernottamenti con colazione +  trasferimenti da/per aeroporto + 4 visite guidate con pranzo incluso + noleggio bicicletta per 8 ore + Pass turistico di Beirut


Vuoi ricevere tutte le nostre offerte?
Iscriviti alla newsletter

Privacy

74 srl - P.IVA 04136790237 - [email protected]
Autorizzazione Agenzia Viaggi n. 4167 Provincia di Verona
Polizza RC Allianz Global Assistance n. 196646