Cambogia

Spirito D'oriente

Viaggi esperienziali

Formula Tour guidati

12 giorni e 11 notti

Dal 18/03/2024 al 29/03/2024

Asia

Cambogia

2560 €

Cell. 3714733107
Tel. 045 8341329
Email [email protected]

Enrico Gelain

Il tuo consulente
Vedi i miei viaggi

(13 voti)

Un viaggio esotico, mistico ed esoterico alla ricerca dei più profondi segreti dell'Estremo Oriente. Cambogia: dal 18 al 29 marzo 2024.


PROGRAMMA


1° giorno: Partenza E Voli

Partenze dall'Italia (Milano) alle ore 13:20 con la Singapore Airlines per Singapore, volo della durata di 12 ore con pasti e notte inclusi, coperta per la notte e schermo sul sedile con i più recenti film in italiano e inglese.

2° giorno: La Piana Di Angkor

La Piana Di Angkor.jpg

Arrivo a Singapore alle 8:15, consiglio di portare un cambio di vestiti estivi nel bagaglio a mano. Passeremo una piacevole mattinata in questa futuristica città, esplorando la sua Baia, i suoi giardini e i suoi quartieri etnici cinesi e indiani. Volo di 2 ore per Siem Reap alle 14:30-15:45, check in in hotel. La sera riceveremo una benedizione buddhista, faremo un piccolo tour del centro e godremo di una cena tradizionale assieme.

L'antica capitale di Angkor era nel 12° secolo la città pre-industriale più grande al mondo, sostenente almeno un milione di abitanti, molti dei quali dediti costantemente alla vita spirituale in uno dei più di 1.000 templi disseminati nella vastissima area sacra centrale della città. Asceti induisti, monaci buddhisti, sacerdoti, pellegrini, religiosi e centinaia di danzatrici di danze sacre gremivano ogni giorno ognuno di questi templi, dimora degli dei. Il tempio principale, Angkor Wat, è il luogo di culto più grande al mondo, mentre il Bayon è il tempio più affascinante, enigmatico ed emozionante di tutta la piana. Prenderemo contatto meditativo ed energetico con tutto questo, mettendoci in ascolto silenzioso con le memorie energetiche che ancora pervadono queste antiche rovine.

Alla sera faremo esperienza diretta di come i locali vivono tutt'oggi la loro antica ed intensa spiritualità, ricevendo una benedizione buddhista direttamente da un gruppo di monaci in una piccola ma suggestiva pagoda locale nella città di Siem Reap.

3° giorno: La Civiltà Khmer

La Civiltà Khmer.jpg

Visita del Museo Archeologico, pranzo a Siem Reap. Al pomeriggio andremo a curiosare nelle nelle viuzze laterali del centro città; successivamente ci recheremo in un monastero assieme ad alcuni monaci buddhisti per unirci nella loro preghiera/meditazione quotidiana. Trascorreremo la serata nel mercato notturno di artigianato della città, cenando liberamente in zona.

L'inizio della storia scritta dell'impero khmer è nell'802 dC, ma la vera origine spirituale e leggendaria del popolo khmer nasce, secondo la leggenda, dall'unione del giovane principe indiano Kampuja con una principessa Nagini del luogo, una ragazzate metà donna e per metà serpente e figlia del re serpente Naga, lo Spirito dimorante questi luoghi. Già in epoca antica questo popolo è stato fortemente influenzato dalla vicina India, a partire dal 1 secolo dC. É infatti dall'India che provengono tutte le conoscenze sacre utilizzate per la costruzione di questi templi: conoscenze matematiche, simboliche e di geometria sacra raccolte nell'antica disciplina indiana del Vastu. Successivamente, grazie al re costruttore Jayavarman VII, la città si arricchì con molti altri templi dall'architettura e dal simbolismo buddhista.

Ci uniremo infine a dei monaci buddhisti per la preghiera/meditazione giornaliera, recitata in forma di mantra contemporaneamente in tre lingue diverse: in sanscrito (lingua sacra induista), in pali (lingua sacra buddhista) ed infine in lingua cambogiana contemporanea.

4° giorno: Lo Spirito Del Luogo

Lo Spirito Del Luogo.jpg

Andremo più a nord della piana di Angkor, sull'altopiano di Phnom Kulen, per scoprire l'area sacra dove nasce lo Spirito del Luogo: il Re serpente Naga. Poi torneremo nella piana per vedere il Banteay Srei, una meraviglia intarsiata di arenaria rosa, dove mediteremo su una antica raffigurazione del Sole e della Luna, dedicata all'unione del maschile col femminile come principio di equilibrio cosmico. Il tardo pomeriggio faremo esperienza di uno dei templi più antichi del parco, il Pre Rup.

Kbal Spean è il luogo nel cuore della giungla collinare dove nasce il fiume Siem Reap, che all'epoca veniva identificato con il re Naga, lo Spirito del Luogo, un gigantesco serpente il cui culto deriva dall'India e che ha un ruolo chiave nella creazione dell'Universo. Il letto roccioso di questo fiume, con anche vari salti e cascate, è diventato esso stesso un luogo di culto animista, in cui sono state incise numerosissime rappresentazioni di simboli fertilistici e di divinità cosmiche legate alla creazione dell'Universo. Qui faremo il primo vero contatto profondo con questa civiltà grazie a un rito di purificazione nelle acque di questo fiume ed un contatto psichico con lo Spirito del Luogo in persona. Il tempio del Bantey Srei, con incredibili intarsi mitologici color rosa che quasi escono dalle pareti, è ricco di simbologie planetarie e di equilibrio tra il Femminile ed il Maschile universale; qui faremo un lavoro intuitivo/meditativo con il Sole e la Luna, simboli interiori della nostra dualità Maschile/Femminile. Il Pre Rup è invece un tempio dedicato al dio Shiva. In questo tempio vennero venerati i Deva Raja, i “Re con poteri Divini”, figura leggendaria in cui Shiva, il Re khmer e tutto il suo popolo venivano visti come un'unica grande Entità. Shiva in persona, legittimatore del Regno Celeste, trasferiva il potere del suo Regno qui sulla Terra, affidandolo ai regnanti della dinastia khmer.

5° giorno: Il Cosmo Di Shiva

Il Cosmo Di Shiva.jpg

Visiteremo il Phnom Bakheng, il primissimo tempio costruito nella capitale, già all'epoca ideato sulla base di complesse simbologie geometriche sacre, cosmologiche e planetarie. Al Phimeanakas faremo conoscenza dell'antico rito lunare femminile di legittimazione del re e di prosperità del regno che qui si teneva. Infine scaleremo le vette dell'alto Baphuon, un tempio-piramide a gradoni dove si tenevano i riti di ascensione spirituale.

Il Phnom Bakheng è stato costruito per essere l'omphalos dell'Universo, il centro della Creazione e di tutte le sue varie dimensioni spirituali superiori, nonché la dimora di tutte le 33 principali divinità induiste, simbolo dell'interezza della Creazione. Qui cercheremo di entrare in contatto con il Tutto, chiedendo che ci venga rivelato il nostro posto nell'Universo. Il Phimeanakas era invece il luogo dove venivano svolti tutti i rituali fertilistici e beneauguranti a favore del Deva Raja e del regno, a partire dal principio del Femminile Sacro. Qui lavoreremo sulla legittimazione del nostro potere personale, mentre concluderemo la giornata al Baphuon, con un esercizio sul superamento delle nostre difficoltà per raggiungere le più alte mete materiali nonché spirituali della nostra esistenza.

6° giorno: Equinozio: Vishnu, Oltre La Creazione

Equinozio: Vishnu, Oltre La Creazione.jpg

Ci sveglieremo alle 4:30 per vedere un'ora dopo l'allineamento equinoziale all'alba nel tempio di Angkor Wat, dove il Sole nel suo percorso raggiunge e tocca la vetta della torre centrale più alta. Proseguiremo in mattinata con una visita del tempio e dei suoi infiniti bassorilievi che descrivono vari momenti della Creazione e del suo svolgimento qui sulla Terra.

Angkor Wat: la città monastero. Usufruendo delle sue potenti energie supereremo il nostro karma individuale per raggiungere infine la dimora di Vishnu, luogo ove è possibile vivere in uno stato di profondo non-attaccamento alla materia. Voluta da Suryavarman II, il re protetto dal Sole, questo tempio è un inno alla Sacra dimora di Vishnu (Brah Vishnu-loka), un luogo ove il tempo e lo spazio sono da lungo tempo ormai dimenticati, o forse non sono mai neanche esistiti. Vishnu se ne sta lì sopra, disteso su una grande e spaziosa zattera che galleggia sopra l'Oceano della Creazione, ad osservare, a contemplare, a meditare serenamente su tutto ciò che è stato, su tutto ciò che è, su tutto ciò che sarà. La sua Creazione, nata da un fiore di loto apertosi dal suo ombelico, si svolge sotto di lui come una lenta ed eterna pellicola cinematografica, mentre lui la osserva attento, attraverso il placido specchio d'acqua sottostante.

7° giorno: La Cascata Nella Giungla

La Cascata Nella Giungla.jpg

Questo è un giorno libero e di riposo. Per questa data abbiamo organizzato una visita di una giornata alle colline sacre di Phnom Kulen per vedere un tempietto oggetto di pellegrinaggio da tutta la Cambogia, con il Buddha rupestre più grande del paese, e un meraviglioso e rinfrescante bagno nella cascata più alta del paese. Se desideraste arrangiarvi autonomamente siete liberi di farlo.

8° giorno: La Guarigione Astrale

La Guarigione Astrale.jpg

Dedicheremo l'intera giornata ai due siti di acque sacre e di guarigione della piana, il Neak Poan e la Cappella Ospedale, lavorando intensamente su noi stessi, sulle energie dei 4 elementi, sui segni zodiacali e sulle energie planetarie di ognuno di noi.

L'intero concetto di guarigione ayurveda e poi buddhista che qui veniva utilizzato ruota attorno ai 4 elementi, più l'Etere, ed a tutte le energie astrali della persona, sul karma e sulle responsabilità che il malato ha ignorato a tal punto da provocare in lui la malattia. Infatti il luogo di guarigione per eccellenza di Angkor, il Neak Pean, è un ampio isolotto con 13 bacini d'acqua taumaturgica, uno per ogni segno zodiacale più il bacino centrale per l'elemento Etere, e le sue acque venivano utilizzate in base agli scompensi del tema astrale del paziente. Nella Cappella Ospedale invece, di epoca buddhista, un'intera organizzazione di 102 persone esperte di diverse arti curative venivano coordinate dall'astrologo per ottenere la guarigione del paziente. Qui l'acqua consacrata veniva utilizzata dai monaci per purificare il karma della persona e benedirla per il suo futuro percorso terreno.

9° giorno: La Compassione Del Buddha

La Compassione Del Buddha.jpg

Comprenderemo meditando e con dei lavori energetici nei templi del Preah Kahn e del Ta Prohm il significato di alcune entità del misticismo buddhista: Buddha: l'illuminazione; Prajnaparamita: la saggezza femminile e Lokeshvara: la compassione e l'aiuto. Oltre ad essere due tra i tre templi buddhisti più belli della piana, costruiti da Jayavarman VII, il regnante che decise di cambiare il culto ufficiale di stato dall'induismo al buddhismo, sono anche delle cittadelle universitarie dedicate interamente agli studi di religione, danze, astrologia, arte, matematica e più in generale tutto ciò che veniva ritenuto sacro e rappresentativo della Creazione.

Gautama Siddhartha è una figura storica realmente esistita, conosciuta anche con gli appellativi di Sakyamuni (asceta della famiglia Sakya) o Buddha (il risvegliato, o illuminato). E' stato preso dalla religione buddhista a simbolo della meta spirituale che ognuno dovrebbe perseguire: la liberazione da ogni sofferenza, che è possibile raggiungere attraverso la rinuncia da ogni attaccamento materiale (visto come dipendenza emotiva che può creare sofferenze), insieme alla comprensione della Saggezza Perfetta, eterna e immutabile, del fatto che tutto ciò che esiste è esso stesso vacuità, trasparenza, simbolo dello Spirito Immanente del Divino. Questa Saggezza Perfetta è Prajnaparamita, la madre di tutti i Buddha: è la spontanea e serena saggezza interiore di ogni donna; è colei che interiormente è sicura di ciò che gli è stato rivelato e che sa come agire delicatamente sulla Creazione per manifestare gentilmente quanto è stato precedentemente sognato ad occhi aperti. Lokeshvara è invece l'emblema della compassione buddhista: meta finale di ogni percorso spirituale buddhista, si tratta di un bodhisattva, cioè di un'entità che nonostante si sia già liberata dal karma e dal suo ciclo di reincarnazioni, abbia deciso comunque per compassione di reincarnarsi ancora per poter aiutare il genere umano a sollevarsi dalle sue miserie. Ognuna della sua moltitudine di braccia è tesa verso il basso, per offrire il suo aiuto e per alleviare le sofferenze a ogni essere senziente che ne abbia bisogno.

10° giorno: La Città Sacra

La Città Sacra.jpg

L'ultimo giorno visiteremo a piedi, immersi nella giungla, le rovine della città di Angkor Thom: il portale d'ingresso, le due terrazze Reali, il Palazzo Reale e poi scopriremo il Bayon, meraviglia ultima e suprema dei templi buddhisti di Angkor. Concluderemo il viaggio di fronte alla statua storica del sovrano Jayavarman VII/Lokeshvara per un ultimo rituale. La sera godremo di una bellissima cena conviviale unita ad uno spettacolo di danze tradizionali sacre: le “Apsaras”.

Angkor Thom, la Grande Città, è l'ultima capitale della dinastia di Angkor. Questo tempio/città ritraeva sulle sue mura e lungo i suoi viali raffigurazioni sacre che idealmente percorrevano da parte a parte tutto il paesaggio urbano. Due file di divinità e demoni ai lati dei viali e dei ponti di accesso alla città sorreggono il corpo di un enorme serpente Naga attorcigliato idealmente attorno al tempio centrale del Bayon, rappresentante il monte cosmico Meru da cui ha origine la Creazione. Questi demoni e dei, battagliando l'eterna lotta tra il Bene ed il Male, tirano da un lato e dall'altro il serpente, giocando così ad un immenso tiro alla fune per far ruotare il monte Meru su se stesso e far “frullare” l'immenso Oceano di Latte su cui poggia e da cui avranno origine tutti gli esseri viventi della Creazione.

Dedicato al Buddha, il Bayon è il tempio centrale di Angkor Thom. La torre centrale di questo tempio è sorretta da 8 torri minori disposte a cerchio a rappresentare il Dharmachakra, la ruota buddhista delle azioni positive che sviluppano un buon karma. Esse sono il cuore della dottrina buddhista, o l'ottuplice sentiero, e rappresentano la rettitudine nella Fede, nel Proposito, nella Parola, nell'Azione, nel Contegno di vita, nello Sforzo, nel Pensiero e nella Concentrazione. All'interno della torre centrale troneggiava una statua alta 3 metri e mezzo del BuddhaRaja, il Re Illuminato, un gigantesco Buddha con le fattezze del re compassionevole Jayavarman VII, assiso sopra le spire del serpente Naga e protetto da esso. Di fronte a questa statua svolgeremo il rituale conclusivo di questo itinerario, di ringraziamento e di offerta che ci aprirà finalmente e radicherà completamente all'interno delle energie del cuore e della compassione buddhiste.

11° giorno: Volo Di Rientro

Volo da Siem Reap a Singapore alle 16:40, che ci darà la possibilità di passare una piacevole serata al Jewel, il centro commerciale con il giardino e la cascata indoor più grande al mondo, 65 metri, aspettando il volo di ritorno in Italia delle 23:45, con arrivo il giorno dopo martedì 26 marzo alle 5:55 di mattina.


DESCRIZIONE STRUTTURA



Il Memoire D'Angkor Boutique Hotel è stato costruito con un concetto unico nel suo genere e all'avanguardia cambogiano che combina un'eleganza sottile ed artistica. Memoire d'Angkor mette a disposizione un'oasi di comfort e relax e continua il suo viaggio storico nel fornire ai suoi clienti l'esperienza di felicità più completa. Memoire d'Angkor Boutique Hotel si trova lungo la Sivatha Road, a soli 7 km dall'aeroporto e dai Siti Patrimonio dell'UNESCO, Angkor Wat, e a cinque minuti a piedi da Pub-Street in pieno centro di Siem Reap. 

Con la visione di portare l'arte più vicina alla vita quotidiana, le 48 camere e suite sono state decorate attentamente con pezzi d'arte da un Master Artist “Theam”, le cui opere sono tratte dai fondamenti simbolici, filosofici e concettuali delle tradizioni cambogiane. L'hotel comprende una piscina dalle chiare acque e delle rilassanti altalene sul patio, due ristoranti che servono autentica cucina cambogiana e occidentale, una meravigliosa meeting room e la incredibile Memoria Spa, dove gli ospiti possono rilassarsi con un programma del centro benessere.



APPUNTI DI VIAGGIO



L'itinerario che vi proponiamo è un viaggio che prima di tutto ha sorpreso anche noi. Non ci aspettavamo infatti di trovare dei luoghi così sacri, spirituali ed energetici! Ci siamo trovati davanti a una civiltà dedita all'amore, alla pace e al servizio agli altri ed abbiamo scoperto dei monumenti che hanno saputo cogliere le stesse conoscenze energetiche ed archeoastronomiche della Sardegna e dell'Egitto in maniera egregia e sorprendente.

I meravigliosi e colossali templi di Angkor rappresentano un esempio sublime dell'arte e della capacità costruttiva del popolo khmer. Questo popolo seppe creare un impero enorme che può trovare il giusto paragone solo con quello d'Egitto in quanto a sforzi costruttivi, ampiezza del territorio e alla complessa spiritualità. Sono oltre mille i templi e i santuari che compongono Angkor: un numero impressionante. Ricchi di guglie, pinnacoli, scale, piramidi a gradoni, innumerevoli ingressi e mura di cinta circondati da larghi canali e specchi d'acqua, scolpiti ed intarsiati fino al più piccolo dettaglio: questa è stata la più grande città antica al mondo fino all'avvento dell'era moderna.

Il fascino che questo luogo emana è innegabile. Un fascino reso ancor di più tale dalla vegetazione che è cresciuta tutt'intorno – di enormi dimensioni – e che si fonde magicamente nei complessi stessi pervasi dai suoni della giungla e accarezzati all'alba e al tramonto da una luce magnifica che si riflette sulle acque e sulla pietra.

Passaggio ad Angkor, dunque, in un viaggio che andrà a cogliere l'essenza della Scienza Sacra di questa civiltà. Un viaggio nei simboli e negli archetipi che fanno parte del nostro universo, esterno ed interiore. Un viaggio profondo, che trasformerà le nostre coscienze e il nostro livello energetico. Un viaggio unico. Di scambio e condivisione.

Un viaggio adatto a chi ama le antiche civiltà, a chi è sul percorso spirituale, a chi si occupa di energie sottili, a chi vuole accostarsi a un luogo dell'anima…



LA QUOTA INCLUDE



  • Pernottamento con prima colazione
  • Voli internazionali e interni
  • Trasporti locali in minibus e tuk-tuk con autista
  • Biglietti d'ingresso ai siti
  • Cene e spettacoli indicati sul programma
  • Guide misteriche spirituali energetiche in ITA
  • Conduzioni delle meditazioni in ITA
  • Assicurazione medico bagaglio e annullamento del viaggio


LA QUOTA NON INCLUDE



  • Tutti i pranzi e le cene non indicati sul programma o indicati come liberi
  • Lavanderia
  • Mance
  • Spese personali
  • Tutto quanto non indicato nella voce “Include”


Costi



I costi includono il pacchetto di viaggio con voli, pernottamento con prima colazione, il trasporto dall'aeroporto per l'hotel e verso tutte le visite, il tour con spiegazioni ed esperienze olistiche, i ticket d'ingresso ai siti visitati, l'assicurazione medica bagaglio e annullamento, la cena con spettacolo indicata nel programma.

Non sono inclusi i pranzi e le cene, le spese personali, tutto quanto non indicato nella voce “Include”.


Newsletter subscription

Our monthly newsletter with a selection of the best posts

74 srl - P.IVA 04136790237 - [email protected]
Autorizzazione Agenzia Viaggi n. 4167 Provincia di Verona
Polizza RC Allianz Global Assistance n. 196646