Armenia

Tour Dell’armenia

Self Drive

Formula Volo + Soggiorno + Noleggio auto

10 giorni e 9 notti

Quotazioni disponibili da Luglio 2017 fino a Dicembre 2018

Asia

Armenia

a partire da 1000 €


Cell. 339 5636029
Tel. 045 8341329
Email valentina@raccontidiviaggio.it

Valentina Caccavale

Il tuo consulente
Vedi i miei viaggi

(12 voti)


Tour in auto dal Nord al Sud dell’Armenia, attraverso una natura selvaggia alla scoperta dei luoghi più significativi e dei siti archeologici Unesco più antichi e rappresentativi.




PROGRAMMA


1° giorno: Italia - Erevan

Arrivo all’aeroporto di Erevan e ritiro dell’auto a noleggio.

Pernottamento (3 notti) a Erevan all’hotel Silachi**** o similare.

2° giorno: Erevan

Erevan.jpg

Visita di Erevan, la città più grande dell’Armenia e polo culturale e scientifico del paese.

Non perdetevi la piazza caratterizzata da una lunga ed elegante scalinata in marmo detta “Cascata”: in cima c’è un monumento incompiuto, in mezzo varie opere d’arte, ai piedi la piazza, piena di bar e ristoranti e con al centro statue di Botero.

Notevole la grandissima piazza della Repubblica, sulla quale si affacciano ambasciate, hotel di lusso e il Museo statale di storia armena. Di sera la piazza è ancora più suggestiva grazie alle fontane e all’illuminazione.

Da vedere il Museo del genocidio (Metz Yeghern), che ricorda il genocidio a cui gli armeni furono sottoposti nel deserto dell’Anatolia (1915-1922), quando centinaia di migliaia di armeni furono costretti dai militari dell’esercito turco a marciare fino alla morte. Nel “Muro della memoria” sono tumulati pugni di terra delle tombe di coloro che lottarono con ogni mezzo per aiutare la popolazione e anche per testimoniare quanto stava accadendo in seguito alle “marce della morte. Ancora oggi, nel 2017, il Governo turco nega che i turchi abbiano commesso tali crimini.


Carina la Moschea Blu, l’unica rimasta delle otto un tempo presenti.

Interessante anche l’Istituto per i manoscritti antichi Matenadaran, unico al mondo nel suo genere, che conserva preziosi manoscritti attraverso cui il popolo armeno, fin dall’antichità, ha tramandato il proprio patrimonio culturale.

La zona pedonale è dedicata allo shopping e alla moda; qui potrete notare come gli armeni tengano all’eleganza.

Tra le attrazioni turistiche si segnalano anche due vecchie fortezze militari in rovina, risalenti l’una al periodo dell’antica Roma, l’altra, chiamata Erebuni, al periodo Urartu, un antico regno dell’Armenia (860-585 a.C.).

Da non perdere il mercato d’artigianato all’aria aperta di Vernissage, dove si possono trovare non solo gioielli d’argento e d’oro e pietre preziose, ma anche merletti, tappetti, souvenir di ossidiana armena, di legno, una vasta scelta di ceramica locale ecc.

Potete visitare la distilleria di brandy Ararat (dal 1887), liquore pregiato famoso in tutto il mondo.

3° giorno: Erevan - Garni - Geghard - Matenadaran - Erevan (80 Km)

Erevan - Garni - Geghard - Matenadaran - Erevan (80 Km).jpg

Partenza per il tempio di Garni, risalente al I secolo e unico modello dell’architettura greca antica conservato in Armenia (l’edificio attuale è ricostruito sul tempio originale distrutto con le mura della fortezza dal terremoto nel 1679). Il tempio è eretto in onore del dio Mitra, il cui culto, dal Medio Oriente, è penetrato in Grecia Antica e a Roma (diventò il protettore di Roma nel periodo della decadenza dell’Impero fino all’inizio della diffusione del cristianesimo).

Proseguimento per il complesso monastico di Ghegard (XIII secolo), Patrimonio dell’umanità Unesco. Si tratta di un’eccezionale costruzione parzialmente scolpita nella roccia di una montagna. Le spettacolari guglie rocciose che cingono il monastero fanno parte della gola del fiume Azat.

Rientro a Erevan.

Condizioni atmosferiche permettendo, potete visitare la grotta di nonno Levon, una grotta sotterranea scavata a mano da un cittadino di Erevan, il maestro Levon, che decise di allargare il proprio magazzino di patate facendone un “labirinto” sotterraneo (€ 2 circa a persona). Ora il maestro Levon è morto e la moglie racconta tutta la storia della nascita della grotta.

4° giorno: Erevan - Khor Virap - Areni - Noravank - Halidzor (270 Km)

Erevan - Khor Virap - Areni - Noravank - Halidzor (270 Km).jpg

Partenza per il monastero di Khor Virap, da dove si può godere della vista del maestoso monte Ararat, poco lontano dal fiume Araks. L’importanza del monastero è legata al fondatore del cristianesimo in Armenia, San Gregorio Illuminatore. Gli edifici a livello della strada sono stati ripetutamente ricostruiti fin dal VI secolo, mentre la chiesa principale, dedicata alla Santa Madre di Dio (Astvatsatsin) risale al XVII secolo. Scendendo per una scala di ferro a parete, è possibile visitare il pozzo (profondo 6-7 metri) nel quale San Gregorio fu imprigionato; sopra è stata costruita la chiesa di San Gregorio per proteggere il pozzo dagli agenti atmosferici.

Proseguite per il monastero di Noravank, situato in una posizione naturale suggestiva, al termine di una stretta gola dell’Amaghu. La costruzione più antica del complesso risale al IX-X secolo, ma è andata distrutta. Si è conservata la chiesa di San Karapet (1227.

Pernottamento (2 notti) a Halidzor all’Harsnadzor Eco Resort*** (bungalow con bagno) o similare.

5° giorno: Halidzor - Khndzoresk - Tatev - Halidzor (90 Km)

Halidzor - Khndzoresk - Tatev - Halidzor (90 Km).jpg

Partenza per il complesso monastico di Tatev, arroccato su una fortificazione naturale ai margini della gola del Vorotan, sopra l’omonimo paese. Il monastero fu fondato nel IX secolo. Il monumento principale è la chiesa Poghos e Petros (Paolo e Pietro), risalente al 895-906 d.C. Notate un interessante monumento: la stele oscillante “Gavazan” alta 15 m, nel cortile del monastero, eretta per spaventare gli invasori.


Per raggiungere il monastero, si consiglia di prendere la funivia più lunga del mondo (5,7 km), dalla quale si gode dell’incredibile panorama offerto dalla profonda gola.

Proseguite verso il villaggio rupestre di Khndzoresk, che presenta grotte artificiali, risalenti al I secolo a.C., nel tempo utilizzate prima come abitazioni e poi, nel tardo Medioevo, come rifugio durante le ribellioni degli armeni contro gli ottomani e i persiani. Il canyon di Khndzoresk è reso particolare dalle “piramidi di pietra naturali” in cui anticamente viveva la popolazione.

Ritorno a Halidzor per il pernottamento.

6° giorno: Halidzor - Carahunge - Selim - Noraduz - Lago Di Sevan - Tsaghkadzor (265 Km)

Halidzor - Carahunge - Selim - Noraduz - Lago Di Sevan - Tsaghkadzor (265 Km).jpg

Partenza per Carahunge (o Karahunj), antico di 5500 anni, in cui le pietre megalitiche sono disposte in modo da filtrare i raggi del sole in determinati momenti della giornata. Il vento e la posizione delle pietre creano insieme una particolare musica che è il suono tipico del luogo.


Proseguite per il passo di Selim e visitate il caravanserraglio del XIV secolo di Selim, costituito da una costruzione piccola in confronto a quelle mediorientali, ma ben conservato e molto interessante.

Raggiungete il cimitero di Noraduz, dove sono disseminate numerosissime croci di pietra armene. Il cimitero ospita centinaia di croci di vario tipo e con differenti disegni e decorazioni. Noraduz è anche famosa per il suo artigianato, soprattutto per la produzione di guanti, capelli e scialli di lana.


Continuate per il lago di Sevan e visitate i monasteri sulla penisola.

Pernottamento a Tsaghkadzor all’hotel Tsaghkadzor Marriott Hotel***** (cottage) o similare.

7° giorno: Tsaghkadzor - Dilijan - Goshavank - Sanahin - Haghpat (230 Km)

Tsaghkadzor - Dilijan - Goshavank - Sanahin - Haghpat (230 Km).jpg

Raggiungete il monastero di Goshavank (XIII secolo), fondato dal famoso scrittore clerico armeno Mkhitar Gosh, autore del primo Codice Armeno. Goshavank è noto anche per la rarissima croce di pietra armena del XIII secolo “ricamata”, famosa per la tripla lavorazione della pietra.

Proseguite per la regione di Lori. Fermatevi a visitare i complessi architettonici di Sanahin (966 d.C.) e Haghpat (976 d.C.), che sono tra le opere di architettura medievale armena più importanti e fanno parte del Patrimonio dell’umanità Unesco. I dettagli architettonici e la decorazione di monumenti, che appartengono alla stessa epoca, hanno molto in comune: ciò fa supporre che siano stati creati da architetti della stessa scuola.

Pernottamento a Haghpat all’Haghpat Hotel o similare.

8° giorno: Haghpat - Saghmosavank - Amberd - Erevan (230 Km)

Haghpat - Saghmosavank - Amberd - Erevan (230 Km).jpg

Partenza per la fortezza di Amberd, chiamata “fortezza tra le nuvole” per la sua collocazione a 2300 m sopra il livello del mare, sulle pendici del monte Aragats.

Potete pranzare nel villaggio di Sagmosavan.

Visita del monastero Sagmossamvank, il cui nome significa “monastero di salmi”: secondo la tradizione, infatti, dopo la consacrazione della chiesa i monaci lessero i salmi per 40 giorni.

Pernottamento (3 notti) a Erevan al Bass Boutique Hotel**** o similare.

9° giorno: Erevan - Echmiadzin - Zvartnots - Erevan (70 Km)

Erevan - Echmiadzin - Zvartnots - Erevan (70 Km).jpg

Partenza verso Echmiadzin (a circa 20 km da Erevan). Poco prima di arrivare, fate una sosta per visitare la chiesa di Santa Hripsime, considerata una delle 7 meraviglie dell’Armenia e una delle chiese più antiche esistenti nel paese. Si distingue per l’architettura raffinata, nello stile classico armeno.

A Echmiadzin, la città più sacra dell’Armenia, sorge l’imponente Cattedrale Madre, con una notevole torre campanaria (se è domenica, potete partecipare alla liturgia domenicale, molto interessante).

Tornate verso Erevan, facendo una sosta a Zvartnots, Patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le rovine della cattedrale di Zvartnots sono fra i resti più preziosi e più belli dell’Armenia, perché sono testimoni di una storia e di una cultura millenarie.

10° giorno: Erevan - Italia

Restituzione dell’auto in aeroporto e volo per l’Italia.


APPUNTI DI VIAGGIO



Se volete confondervi con la popolazione locale, a Erevan non potete fare a meno di sedervi in un bar, rigorosamente all’esterno, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche. I bar sono molto belli: moderni, forniti e di design. In particolare, è d’obbligo bere un brandy (la marca più famosa è Ararat).

——————-

Durante il vostro viaggio, assaggiate il lavash, il pane nazionale armeno, inserito dall’Unesco tra i Patrimoni culturali immateriali dell’umanità. È preparato senza lievito e risulta sottile, elastico e gommoso. Appena sfornato è molto buono e viene servito arrotolato con ripieno di formaggio, verdura o carne.



LA QUOTA INCLUDE



  • volo a/r
  • tasse aeroportuali (l’importo delle tasse aeroportuali può variare fino al momento dell’emissione dei biglietti)
  • 9 pernottamenti in camera doppia con prima colazione
  • noleggio auto con chilometraggio illimitato
  • assicurazione spese mediche € 300.000, bagaglio € 1000


LA QUOTA NON INCLUDE



  • carburante, pedaggi, parcheggi
  • ingressi
  • tutto quanto non espressamente indicato in “La quota include”


Costi



Quote per persona in camera doppia da € 1000


volo a/r + noleggio auto + 9 pernottamenti con colazione + assicurazione sanitaria


AREA RISERVATA

Privacy Policy
Cookie Policy

©2018 - 74 srl - P.IVA 04136790237 - booking@raccontidiviaggio.it